Lamina Flow vuole progettare una tavola da surf migliore e più sostenibile

Di Drew Turney
- 30 ott. 2018 - 7 Min. Tempo Di Lettura
surfboard design surfer
Lamina Flow ha raccolto la sfida di inserire le tavole da surf nell'economia circolare progettando l’eliminazione dei rifiuti dal loro processo produttivo.

A giudicare dalle apparenze, nella visione comune il surf è considerato lo sport ecologicamente corretto per eccellenza, una mera connessione con la natura: solo tu e il potere dell’oceano, nient’altro che un semplice oggetto di plastica e schiuma tra te e le forze primordiali della Terra.

Per Stu Bowen, surfer da una vita, la visione idilliaca del surf rappresenta “l’apice dell’ipocrisia”. Quasi mezzo milione di tavole da surf vengono vendute ogni anno e la maggior parte di esse ha una durata di soli sei/dodici mesi, poiché spesso si spezzano a causa degli sforzi nelle prestazioni.

Se consideriamo che le moderne tavole da surf sono realizzate in poliuretano e polistirolo, ci rendiamo conto che la loro manifattura è spirituale ed ecologica quanto le estrazioni di petrolio o la  Grande Isola di Plastica del Pacifico. E adesso che il surf diventerà una disciplina olimpica, quindi ancora più popolare, l’inquinamento legato alla manifattura delle tavole da surf è destinato a crescere in modo esponenziale.

Bowen vuole prendere provvedimenti al riguardo.

surfboard design lamina flow stu bowen
Stu Bowen ha fondato Lamina Flow con l’intento di adattare la manifattura delle tavole da surf all’immagine ecosostenibile del surf stesso. Per gentile concessione di Lamina Flow.

“È un ottimo esempio di ciò che oggi viene definito economia lineare”, dice Bowen, parlando della manifattura tradizionale delle tavole da surf. Surfista sin dall’adolescenza, l’ambientalista australiano ha deciso di cambiare il modo in cui vengono prodotte le tavole. “Ci limitiamo a prendere delle risorse, produciamo qualcosa e poi lo smaltiamo”, dice. “Questo vale per la stragrande maggioranza delle forme di economia umana”.

Bowen ha fondato la sua azienda, Lamina Flow, con l’intento di costruire tavole da surf basandosi su quelli che lui chiama principi dell’economia circolare . “L’obiettivo è quello di ridurre al minimo i rifiuti”, dice. “Prima della dominazione umana, nel mondo non esistevano rifiuti; tutto era cibo o materia prima per qualcos’altro. Il principio dell’economia circolare è quello di eliminare i rifiuti e trasformarli in prestazioni. Vogliamo ottimizzare il modo di fare surf, ottenere prestazioni migliori e, altra cosa fondamentale, [tavole] che durino più a lungo”.

Con la costituzione di Lamina Flow, Bowen vuole mantenere un impegno di vecchia data e dimostrare che il business, solitamente considerato il “cattivo” nei confronti della salute dell’ambiente, in realtà può rappresentare la soluzione.

Definisce il consueto modo di produrre le tavole da surf un processo sperimentale per tentativi ed errori. “[Le aziende] creano dimensioni e forme; la gente le usa per fare surf e dà loro un feedback “, dice. “Si tratta solo di un grande circolo vizioso inefficiente che non ha mai fine. Voglio fermare questa follia e utilizzare intelletto e software per dare ai surfisti ciò che vogliono”.

Bowen ammette che ci sono degli ostacoli da superare. Un aspetto ironico del surf è che, mentre l’intera ricerca fluttua sui cambiamenti che i surfisti monitorano scrupolosamente, quali le variazioni del tempo, delle onde, delle maree e così via, la maggior parte dell’industria resiste tenacemente ai cambiamenti nel modo in cui le tavole vengono prodotte.

surfboard design detail
Lamina Flow non solo mira a riprogettare le tavole da surf per una maggiore aspettativa di vita, ma anche a garantire una maggiore flessibilità e un migliore ritorno elastico per incrementarne le prestazioni. Per gentile concessione di Lamina Flow.

Un nuovo problema

Dopo l’invenzione del surf nel Pacifico del Sud, per migliaia di anni le popolazioni indigene hanno utilizzato tavole di legno e reti di giunchi per fabbricare tavole (ecologiche, ma spesso pesanti e tozze). Negli anni 30 e 40, l’industria si è ispirata alle costruzioni navali, adottando resine, fibra di vetro e schiuma di poliuretano.

Bowen ammette che questo era quanto di meglio l’industria potesse fare in quel momento ma queste tecniche hanno portato la manifattura delle tavole da surf in una nuova era oscura fatta di prodotti petrolchimici e derivati. Molte risorse vengono impiegate nelle varie fasi del ciclo produttivo delle tavole da surf (ben più dei soli materiali tossici che troviamo nella tavola stessa) e, in definitiva, non possono essere smaltite in nessun posto. “Non ho mai visto nessuno andare a recuperare una tavola da surf quando questa si spezza (e potrebbe farlo alla sua primissima uscita)”, dice. “La tavola si perde nell’oceano per sempre o, se si arena sulla spiaggia, finisce in una discarica”.

L’approccio di Bowen presso Lamina Flow fonde progettazione e manifattura in una cosa sola. “Utilizziamo tecnologie software incredibili”, afferma. “Abbiamo nuovi materiali. Tutto sta cambiando. Noi, in quanto surfisti, cerchiamo solo di trarre delle conclusioni e di chiederci come possiamo fare meglio”.

Uno degli elementi fondamentali che sta cercando di ottenere è la precisione. Sebbene costruire qualcosa a mano abbia una vena di quel romanticismo comunemente associato al surf, è molto difficile per un essere umano replicare delle caratteristiche in un oggetto che necessita di una precisione estremamente ponderata come la tavola da surf.

Le tecniche di lavorazione di Lamina Flow traggono ispirazione da qualsiasi cosa: da sci e snowboard, che sono molto difficili da rompere, fino agli archi e le frecce. Così è nata l’idea di utilizzare una serie di lamine (da qui il nome della società). Invece di usare un singolo nucleo di schiuma con una traversa di legno nel mezzo (la lunghezza del materiale che rinforza la “spina dorsale” della tavola ma, purtroppo, la rende più fragile) le tavole da surf di Lamina Flow sono costituite da nuclei a tre strati, ognuno dei quali può essere rinforzato da Bowen e dal suo team.

Attualmente in prototipazione rapida, Lamina Flow utilizza la fresatura CNC sottrattiva per ottenere l’oggetto perfetto, passando poi alla fase successiva. “Stiamo riducendo al minimo gli sprechi in ogni fase”, dice Bowen. “E in un futuro non troppo lontano, probabilmente entro quest’anno, faremo tutto con la produzione additiva. Ma dobbiamo prima definire tutto per bene. E per noi questa è la fase in cui dobbiamo imparare”.

surfboard design lamina flow process
Stu Bowen prevede di passare dalla fresatura sottrattiva con dispositivi CNC per prototipi a un processo definitivo di produzione additiva. Per gentile concessione di Lamina Flow.

In questo processo, Bowen si è reso conto che la missione di Lamina Flow va ben oltre il rispetto per la Terra. “Questa storia è nata come impegno ambientale ed è diventata una questione di performance”, dice. “La maggior parte delle persone sostiene che non è possibile rendere le tavole da surf sostenibili più performanti delle normali tavole da surf, ma ho scoperto che è fattibile. Fino a poco tempo fa, la modellatura delle tavole da surf è stata più arte che scienza, io sto cercando di basarla su dati rigorosi”.

L’altro vantaggio rispetto all’approccio artigianale è la personalizzazione: l’ingegneria viene usata per offrire diverse prestazioni agli utenti. “Possiamo dare più flessibilità alle tavole, far sì che abbiano un maggiore ritorno elastico e renderle più rigide”, dice Bowen. “Ho cercato di cogliere le esigenze dei surfisti e la cosa di cui hanno maggiormente bisogno sono le prestazioni, che si traducono in flessibilità, ritorno elastico, eccetera”.

Le reazioni della tavola e dell’oceano sottostante sono elementi fondamentali del surf, proprio come il sottile equilibrio e gli spostamenti di peso implicati nell’andare in bicicletta. “C’è una cosa che i surfisti chiamano ‘lagginess’, la reattività con cui la tavola si muove e diventa quasi un’estensione del proprio corpo”, dice. “Ho studiato la possibilità di applicare elementi come la biomimetica e il design circolare per ricrearla”.

surfboard design Fusion 360
Stu Bowen e il suo team hanno utilizzato Autodesk Fusion 360 per progettare la propria tavola da surf e condividerla con gli operatori degli stabilimenti di lavorazione del legno statunitensi. Per gentile concessione di Lamina Flow.

Ci vuole un intero villaggio

Bowen continua dicendo di non avere interesse ad essere la star della storia di Lamina Flow, che non riguarda solo l’ambiente e un miglior metodo di produzione, ma anche la collaborazione con l’intero team che sta lavorando egregiamente al progetto. Collaborare a distanza tra la sede di Bowen, che si trova nella famosa mecca del surf di Byron Bay in Australia, e gli ingegneri di Autodesk a San Francisco è stato impegnativo ma gratificante.

Bowen e il suo team hanno sviluppato digitalmente gli strati affusolati (lamine) con il  Software di progettazione 3D Fusion 360 di Autodesk, che potrebbe essere condiviso nel cloud con gli operatori dello stabilimento di lavorazione del legno negli Stati Uniti per poter apportare immediatamente eventuali modifiche o adeguamenti necessari individuati durante la prototipazione nei percorsi degli strumenti software. “La piattaforma basata su cloud ci ha sicuramente aiutato a colmare la distanza”, dice Bowen parlando della variazione di fuso orario di 17 ore.

Lamina Flow è ancora all’inizio ma, finora, i suoi tentativi in fatto di progettazione e produzione si stanno dimostrando efficaci. Del resto, anche quel principe polinesiano che, migliaia di anni fa, scolpì per primo un albero per ricavarne una tavola piatta e cavalcare le onde, fu una voce fuori dal coro nel suo campo.

Sullo stesso argomento…

Perfetto!

Iscrizione riuscita

Apri gli occhi sul Futuro!

Iscriviti alla nostra newsletter.