Asset 12 Asset 10 Asset 15 Asset 15 autodesk_icon_font_04_06_16_kl Asset 11 autodesk_icon_font_04_06_16_kl autodesk_icon_font_1_18_17_start_over-01
  • Italia

    Sei stato reindirizzato alla pagina corrispondente del sito locale, dove puoi trovare i prezzi e le promozioni disponibili per la tua area geografica, nonché effettuare acquisti online.

    Stay on our U.S. site

Keyboard ALT + g to toggle grid overlay

Autodesk: Perché il gruppo Legendre scommette sul BIM? Quali software utilizza?

Julien Benoit : Tre anni fa, la mia società ha intrapreso la strada del BIM con l'obiettivo di modernizzarsi e di partecipare a gare d'appalto che privilegiano l'utilizzo del modello. Utilizziamo Revit quotidianamente, in particolare per i fascicoli relativi alle imprese, ma anche Navisworks. Software affidabili, che insieme ad openBIM® ci hanno permesso di ampliare le competenze in tutti i nostri progetti.

Autodesk: In che modo è stata testata l'interoperabilità dei software BIM nella vostra società?

Julien Benoit : Abbiamo dovuto iniziare ad utilizzare il BIM in forma collaborativa in tempi brevi. Partecipiamo al grande progetto della linea B della metropolitana di Rennes. La consegna è prevista per il 2019 e il progetto si articola su 3 mercati: la galleria, le stazioni (per le quali siamo stati incaricati di gestire la parte di ingegneria civile per le grandi opere) e il deposito, per cui siamo a capo della gestione BIM. Per quest'ultima attività, trovarsi a dover gestire il metodo di esecuzione BIM è una vera e propria prova del nove. Una decina di collaboratori del gruppo Legendre sono già intervenuti in diverse fasi della progettazione e della costruzione.

Autodesk: In che modo hanno accolto il BIM interoperabile le varie imprese che collaborano con voi per questa parte del progetto?

Julien Benoit : Non tutte le società avevano lo stesso livello di competenza nell'utilizzo degli strumenti BIM. Alcune, ad esempio, non avevano mai nemmeno sentito parlare dello standard IFC. È il caso del fornitore del carroponte o del carpentiere con cui abbiamo lavorato. Usando un po' di psicologia, è stato tutto sommato facile convincerli a passare a questi metodi di lavoro innovativi. Chiaramente in questo modo si evita il più possibile di apportare modifiche e questa argomentazione è sufficiente a convincere qualsiasi società, anche se è necessario mettere in conto dei tempi di adattamento, poiché la frequenza degli scambi non è più la stessa. Una volta preso il via con il BIM, tuttavia, nulla può fermarci!