Asset 12 Asset 10 Asset 15 Asset 15 autodesk_icon_font_04_06_16_kl Asset 11 autodesk_icon_font_04_06_16_kl autodesk_icon_font_1_18_17_start_over-01
  • Italia

    Sei stato reindirizzato alla pagina corrispondente del sito locale, dove puoi trovare i prezzi e le promozioni disponibili per la tua area geografica, nonché effettuare acquisti online.

    Stay on our U.S. site

Keyboard ALT + g to toggle grid overlay

Autodesk: In che modo si è integrato il BIM in Bouygues Construction?

Jérôme Loywick : Mi interesso dell'utilizzo del BIM nell'edilizia fin dal 2010, quando stavo ancora finendo l'università. Quando ho cominciato a lavorare presso Bouygues Bâtiment Nord Est, l'azienda stava ultimando la distribuzione degli strumenti, in particolare di Revit. La nostra direzione tecnica aumenta ogni giorno di più l'utilizzo del BIM e dei modelli digitali nei progetto. Ad esempio, dal 2011, il 100% dei nuovi progetti residenziali è sviluppato con i software BIM.

Autodesk: Di recente avete avuto la possibilità di sperimentare l'interoperabilità del BIM?

Jérôme Loywick : Abbiamo lavorato in "full openBIM®" per la costruzione della piattaforma logistica di Lidl presso Bourg-Achard. Questo progetto, ambizioso e decisamente moderno, è ancora in corso e con i suoi 42.000 m² dovrà consentire il rifornimento di 80 negozi nella regione Normandia e ospitare la direzione regionale del gruppo.

Autodesk: Come si è svolta finora la realizzazione del progetto?

Jérôme Loywick : Vi hanno partecipato una decina di società, di dimensioni variabili. Dall'idraulica all'impermeabilizzazione, passando per le infrastrutture e le grandi opere, tutti i settori utilizzano il BIM con lo standard IFC. In quanto coordinatore BIM, recuperavo i file IFC dalla piattaforma di scambio preposta e li raggruppavo in Revit. Il progetto grafico, testato dapprima su piccola scala, in seguito è stato esteso a tutti gli edifici (magazzino, uffici...). I vantaggi sono evidenti: riduzione del numero di modifiche, meno riunioni di coordinamento, comunicazione sul progetto migliorata grazie al modello 3D... Anche le strutture piccole, che fino a quel momento non si erano mai interessate agli strumenti BIM e che ci hanno accompagnato nel percorso di apprendimento, ne rimangono entusiaste. I vantaggi sono innegabili per tutti i partecipanti al progetto, soprattutto il nostro cliente.

Autodesk: Avete riscontrato dei problemi? Come li avete risolti?

Jérôme Loywick : Non abbiamo incontrato particolari difficoltà. Le tempistiche, per quanto molto strette, sono state rispettate. In caso di difficoltà possiamo contattare il supporto tecnico di Autodesk. Inquadrando perfettamente le sue regole su questo tipo di progetti, l'interoperabilità diventa un vero e proprio punto di forza. La combinazione dei dati BIM e la qualità di gestione del modello digitale condiviso costituiscono le basi per un successo garantito.